Italian (IT)Frenchfr-FREnglish (UK)

Bombi

RES PZ_BOMBUS1Area di studio: le osservazioni sono state eseguite nel territorio dei comuni di Champorcher e Saint Marcel (Valle d’Aosta), la prima valle con esposizione Est-Ovest, la seconda con esposizione Nord-Sud, in transetti individuati secondo un gradiente altitudinale (Collin 1620 m, Champlong 2010, Pian di Lai 2460 m; Léchère 1510 m, Mulac 1959 m, Petite-Chaux 2440 m) in prati, prati-pascoli e pascoli con presenza di specie arboree ai margini.

Protocollo: i transetti sono percorsi da due persone per un’ora per osservare e catturare i bombi presenti sulle essenze botaniche in fioritura, oppure in volo. Gli esemplari catturati con retino sono raccolti, insieme al fiore sul quale sono posati, in provettoni di plastica da 50 ml per la successiva determinazione in laboratorio.

Risultati: Nei tre anni di attività sono stati catturati 2.960 individui, appartenenti a 33 specie diverse: Bombus alpinus, B. barbutellus, B. bohemicus, B. campestris, B. cryptarum, B. flavidus, B. gerstaeckeri, B. hortorum, B. humilis, B. hypnorum, B. inexspectatus, B. jonellus, B. lapidarius, B. lucorum, B. maxillosus, B. mendax, B. mesomelas, B. monticola, B. mucidus, P. norvegicus, B. pascuorum, B. pratorum, B. pyrenaeus, B. quadricolor, B. ruderarius, B. rupestris, B. sichelii, B. soroeensis, B. subterraneus, B. sylvestris, B. terrestris, B. vestalis, B. wurflenii. Sette di queste (Bombus alpinus, B. barbutellus, B. campestris, B. gerstaeckeri, B. jonellus, B. norvegicus, B. subterraneus, B. gerstaeckeri, and B. jonellus) non erano segnalate per la Valle d’Aosta.

B. hortorum, B. humilis, B. lapidarius, B. lucorum, B. mesomelas, B. pascuorum, B. pratorum,B. pyrenaeus, B. ruderarius, B. sichelii, B. soroeensis sono risultate prevalenti, ciascuna presente con più del 40% del totale. Nove specie appartengono al sottogenere Psythirus, parassite di altre specie di bombi. 1.624 esemplari sono riferiti alla Valle di Saint Marcel evidenziando una maggiore abbondanza di bombi in questa valle.

B. soroeensis con il 13,5% è risultata la specie più rappresentata, essenzialmente alle quote 1500 e 2000 m s.l.m., seguita da B. ruderarius con il 11,3% e B. lucorum con il 9,9% presenti lungo tutto il gradiente altitudinale, mentre B. pascuorum con il 7,7% è stato trovato solo alla quota inferiore, B. alpinus è stato trovato solo alla quota superiore.

RES PZ_BOMBUS2

B. lucorum in quanto una delle specie complessivamente più rappresentate e presente a tutte le quote, ma più abbondante alla quota inferiore, può rappresentare un buon indicatore degli effetti biologici del riscaldamento globale a seguito del quale è da attendersi in futuro una sua maggiore presenza alle quote più elevate. 

RES PZ_BOMBUS5

I bombi hanno visitato piante appartenenti a 30 famiglie con la prevalenza di: Onagraceae (22,6) Fabaceae (18,0%), Asteraceae (15,8), Boraginaceae (15,8%); Lamiaceae (4,7%) e Campanulaceae (3,9%). Il loro ruolo è fondamentale per la riproduzione delle piante a impollinazione entomofila. Fra le piante visitate, di particolare importanza sono in primavera Soldanella alpina e Salix spp., quali prime fonti di alimentazione per le regine.

Vantaggi: i bombi possono essere utilizzati per valutare gli effetti del cambiamento climatico poiché alcune specie, in seguito al riscaldamento globale, tendono a risalire a quote più elevate per potersi sviluppare alle condizioni climatiche ideali. Questo fenomeno si manifesta con particolare evidenza nei confronti delle specie di alta quota.

Svantaggi: poiché i bombi si sviluppano in nidi sotterranei e la loro osservazione è possibile soltanto quando sono all’esterno alla ricerca di cibo, occorrono molte osservazioni, in condizioni di tempo idonee, per valutare composizione e densità delle popolazioni presenti. Per l’osservazione sono necessarie specifiche competenze entomologiche, essenziali per il riconoscimento delle specie, e sovente è indispensabile eseguire la determinazione in laboratorio utilizzando un microscopio stereoscopico e materiale di confronto.

NEWS

Jan 2013

NUOVO ARTICOLO! "Phenology and carbon dioxide source/sink strength of a subalpine grassland in response to an exceptionally short snow season" è stato pubblicato su Environmental Research Letters

May 2013

Guarda il video di presentazione di PhenoALP!

Jun 2014

NDVI database now available

Aug 2013

Volete iniziare a fare le osservazioni fenologiche nella vostra classe? Ecco l'esperienza della scuola elementare di Torgnon.

Dec 2013

Seminario intermedio di progetto: guarda i contenuti

Jan 2013

NUOVO ARTICOLO! "Phenology and carbon dioxide source/sink strength of a subalpine grassland in response to an exceptionally short snow season" è stato pubblicato su Environmental Research Letters

May 2013

Guarda il video di presentazione di PhenoALP!

Jun 2014

NDVI database now available

Aug 2013

Volete iniziare a fare le osservazioni fenologiche nella vostra classe? Ecco l'esperienza della scuola elementare di Torgnon.

Dec 2013

Seminario intermedio di progetto: guarda i contenuti

Jan 2013

NUOVO ARTICOLO! "Phenology and carbon dioxide source/sink strength of a subalpine grassland in response to an exceptionally short snow season" è stato pubblicato su Environmental Research Letters

May 2013

Guarda il video di presentazione di PhenoALP!

Jun 2014

NDVI database now available

Aug 2013

Volete iniziare a fare le osservazioni fenologiche nella vostra classe? Ecco l'esperienza della scuola elementare di Torgnon.

Dec 2013

Seminario intermedio di progetto: guarda i contenuti

Jan 2013

NUOVO ARTICOLO! "Phenology and carbon dioxide source/sink strength of a subalpine grassland in response to an exceptionally short snow season" è stato pubblicato su Environmental Research Letters

May 2013

Guarda il video di presentazione di PhenoALP!

Jun 2014

NDVI database now available

Aug 2013

Volete iniziare a fare le osservazioni fenologiche nella vostra classe? Ecco l'esperienza della scuola elementare di Torgnon.

Dec 2013

Seminario intermedio di progetto: guarda i contenuti

Jan 2013

NUOVO ARTICOLO! "Phenology and carbon dioxide source/sink strength of a subalpine grassland in response to an exceptionally short snow season" è stato pubblicato su Environmental Research Letters

May 2013

Guarda il video di presentazione di PhenoALP!

Jun 2014

NDVI database now available

Aug 2013

Volete iniziare a fare le osservazioni fenologiche nella vostra classe? Ecco l'esperienza della scuola elementare di Torgnon.

Dec 2013

Seminario intermedio di progetto: guarda i contenuti

Jan 2013

NUOVO ARTICOLO! "Phenology and carbon dioxide source/sink strength of a subalpine grassland in response to an exceptionally short snow season" è stato pubblicato su Environmental Research Letters

May 2013

Guarda il video di presentazione di PhenoALP!

Jun 2014

NDVI database now available

Aug 2013

Volete iniziare a fare le osservazioni fenologiche nella vostra classe? Ecco l'esperienza della scuola elementare di Torgnon.

Dec 2013

Seminario intermedio di progetto: guarda i contenuti

Jan 2013

NUOVO ARTICOLO! "Phenology and carbon dioxide source/sink strength of a subalpine grassland in response to an exceptionally short snow season" è stato pubblicato su Environmental Research Letters

May 2013

Guarda il video di presentazione di PhenoALP!

Jun 2014

NDVI database now available

Aug 2013

Volete iniziare a fare le osservazioni fenologiche nella vostra classe? Ecco l'esperienza della scuola elementare di Torgnon.

Dec 2013

Seminario intermedio di progetto: guarda i contenuti

Jan 2013

NUOVO ARTICOLO! "Phenology and carbon dioxide source/sink strength of a subalpine grassland in response to an exceptionally short snow season" è stato pubblicato su Environmental Research Letters

May 2013

Guarda il video di presentazione di PhenoALP!

Jun 2014

NDVI database now available

Aug 2013

Volete iniziare a fare le osservazioni fenologiche nella vostra classe? Ecco l'esperienza della scuola elementare di Torgnon.

Dec 2013

Seminario intermedio di progetto: guarda i contenuti